Come creare un “contenuto completo” che piaccia a Google

Come creare un contenuto completo che piaccia a Google

Passate bene le vacanze? Io si, e questa fase “rigenerativa” mi ha ispirato a ricominciare a scrivere nel mio blog. Oggi vi voglio parlare di come creare un contenuto completo che piaccia a Google.

Negli ultimi anni, Google ha privilegiato i contenuti dettagliati e contenenti molte parole nel determinare il ranking in fatto di visibilità nelle pagine dei risultati del motore di ricerca (SERP).

Piuttosto che classificare risposte brevi a domande molto specifiche, la parte superiore della SERP sembra essere dominata da post in stile “guida definitiva” – o contenuti completi – che coprono un argomento ampio con grande dettaglio.

Quando un utente cerca su Google facendo una domanda specifica, riceve sempre più spesso questi contenuti ricchi di testo. E spesso e volentieri vengono portati automaticamente al punto dell’articolo in cui viene data risposta alla domanda cercata. Bello no?

Questo fenomeno nel comportamento dei motori di ricerca ha portato alcuni esperti di marketing a dichiarare che Google cerca di classificare il contenuto più “completo” su un particolare argomento.

In questo contesto, “contenuto completo” si riferisce a un contenuto che risponde a ogni possibile domanda che un utente in fase di ricerca potrebbe avere sull’argomento cercato.

Ecco un esempio di come creare un contenuto completo che genera un’enorme quantità di traffico organico:

Qui descriverò perché Google ama i “contenuti completi” e come creare articoli del genere per il blog del tuo sito web.

Perché Google preferisce classificare i contenuti completi?

Google non cerca esplicitamente di classificare articoli di lunga durata e approfonditi. Piuttosto dà la preferenza a questo tipo di contenuto come risultato quando decide di classificare, perchè spesso esaustivi ad una specifica richiesta.

In genere, Google valuta alcuni aspetti per classificare al meglio un contenuto:

  1. Link a una pagina
  2. Rilevanza semantica per la ricerca
  3. User experience per l’utente

Diamo un’occhiata a cosa sono ciascuno di questi “segnali” e come contribuiscono a far preferire a Google un contenuto che contiene (scusate il gioco di parole) questi segnali.

Link a una pagina

Le pagine che hanno una quantità maggiore di collegamenti ipertestuali provenienti da altri siti web si classificano meglio su Google rispetto a quelle che non lo fanno, a parità di tutto il resto.

Includere collegamenti a risorse aggiuntive, se pertinenti. Ad esempio, se stai scrivendo un articolo sulla consulenza SEO, potresti voler collegare il mio sito web come esempio. 😉

Gli articoli che rispondono a più domande su un argomento avranno più possibilità di avere link a cui collegarsi in quanto possono fornire una risorsa utile per una gamma più ampia di altri articoli. Ciò è supportato dal fatto che i post con più di 2000 parole hanno in media il 77% in più di link rispetto a quelli con meno di 2000 parole.

Pensa sempre a chi stai aiutando con i tuoi contenuti. Più persone aiuti, probabilmente il tuo articolo riceverà più link e traffico.

Rilevanza semantica per la ricerca

La rilevanza semantica si riferisce al modo in cui Google misura la capacità di un contenuto di soddisfare le esigenze di un ricercatore quando effettua una particolare ricerca.

Ad esempio, se qualcuno digita “panificio vicino a me” su Google, probabilmente l’utente sta cercando un panificio nelle sue vicinanze. Le sue esigenze sono soddisfatte mostrando i panifici vicino alla sua posizione attuale al momento della ricerca (determinata dal suo indirizzo IP).

Google dà quindi la priorità alle panetterie nelle vicinanze rispetto a quelle che si trovano più lontano o ad altri tipi di negozi di alimentari nella zona.

Google determina la rilevanza semantica principalmente analizzando il copy di una pagina. Questo è il motivo per cui l’uso strategico delle parole chiave è così importante nella SEO.

Per rimanere pertinente a una ricerca specifica, devi rispondere alle domande che un utente potrebbe fare al motore di ricerca. Pertanto, il “contenuto completo” è visto da Google come la risposta semanticamente più rilevante a un gruppo di ricerche all’interno di un argomento.

User experience per l’utente

L’utilizzo da parte di Google dalla User Experience per determinare quali contenuti classificare è il fattore principale della sua preferenza verso il “contenuto completo”.

Ci sono alcuni modi in cui gli utenti si comportano su una pagina che segnalano a Google che un determinato pezzo di contenuto è una buona risposta a una ricerca.

Google apprezza particolarmente i contenuti che consentono a un utente di “terminare una ricerca”. Terminare una ricerca significa che un utente non ha bisogno di cercare un secondo contenuto per rispondere alla ricerca che stava effettuando.

Google quindi premia i contenuti che fanno sì che un utente rimanga sulla pagina o che faccia clic su un’altra pagina del sito web che sta visitando e “penalizza” (prendete questa definizione con le molle…) i contenuti in cui gli utenti tornano alla pagina dei risultati del motore di ricerca e fanno clic su un altro risultato.

Gli utenti in genere tendono tornare sul motore di ricerca se il primo contenuto visitato non riesce a rispondere alla loro ricerca o se il contenuto non è scritto in modo sufficientemente dettagliata per rispondere a eventuali domande di follow-up che hanno.

Gli articoli che rispondono a ogni domanda all’interno di un argomento vengono quindi “premiati” da Google in base all’analisi del comportamento degli utenti.

Come creare un contenuto completo

Ora che abbiamo capito perché Google preferisce il “contenuto completo”, vediamo come creare un contenuto perfetto che serva generare traffico.

Affermato che un “contenuto completo” risponde a tutte le domande che un utente in fase di ricerca può avere su una ricerca specifica, la chiave per creare un contenuto è scoprire quali sono queste domande.

Ci sono due modi semplici ma efficaci per farlo, entrambi riguardano l’osservazione di ciò che offre Google quando effettuiamo una ricerca.

Utilizzare la funzione “Le persone hanno chiesto anche”

Il primo di questi è guardare la scheda “Le persone hanno chiesto anche” che spesso appare nella parte superiore di una pagina dei risultati di ricerca di Google.

Per utilizzare un esempio, esaminiamo la ricerca: “come fare lo slime”:

Come creare un contenuto per Google: utilizzare la funzione "le persone hanno chiesto anche"
Utilizzare la funzione “le persone hanno chiesto anche” nei risultati della SERP

Le domande generate nella casella “Le persone hanno chiesto anche” si basano sui dati di ricerca effettivi, su ciò che gli utenti chiedono immediatamente dopo la ricerca originale. Rispondere esplicitamente a queste domande nel tuo post, idealmente dedicando sezioni specifiche del tuo post a ciascuna di esse, e racchiudendo le domande nei tag di intestazione, migliorerà sia i segnali di User Experience che la pertinenza semantica.

Analizza gli articoli della concorrenza… e schiaccia il loro contenuto!

Il secondo modo per vedere a quali domande è necessario rispondere sul come creare un contenuto completo e renderlo tale è guardare e analizzare ciò che è scritto negli altri articoli che si collocano nella parte alta della prima pagina di Google per la parola chiave desiderata.

Google classifica tali contenuti in alto per un motivo. Il motore di ricerca vede il contenuto di queste pagine come altamente rilevante per la ricerca in questione. Per creare qualcosa con una forte rilevanza semantica dovresti cercare di includere elementi che si trovano in altri articoli posizionati in alto come punto di partenza per il tuo contenuto.

Passare in rassegna le prime tre/cinque pagine in una pagina dei risultati e combinare tutte le informazioni uniche di quei post (ovviamente riscritte per evitare le penalità di contenuti duplicati) è una buona base per creare un contenuto più completo disponibile su un argomento.

Aggiungi a questo tutte le domande che Google suggerisce nella sua casella “Le persone hanno chiesto anche” a cui non è stata data risposta negli altri articoli e dovresti essere sulla buona strada per creare qualcosa che probabilmente si classificherà bene.

Vale la pena ricordare che il blogging e il copywriting sono un processo creativo e non dovresti essere vincolato da ciò che hanno scritto i tuoi concorrenti.

Se le tue intuizioni personali ti consentono di dare una risposta più accurata o dettagliata a una ricerca rispetto a quella attualmente disponibile, dovresti cercare di farlo piuttosto che copiare i tuoi concorrenti.

Assicurati solo di “coprire” l’argomento scelto in modo sufficientemente dettagliato per rispondere a eventuali domande di follow-up che un ricercatore potrebbe avere.

E tu, come fai per creare un contenuto che piaccia a Google? Scrivimelo nei commenti o inviami una mail!
Contattami

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indice dei contenuti

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
Assistenza via chat
Invia con WhatsApp