Come monitorare il log degli errori PHP in WordPress e cPanel

Come monitorare il log degli errori PHP in WordPress e cPanel

Il log degli errori PHP è uno degli strumenti più utili per diagnosticare i problemi dell’hosting web.

Spesso è difficile trovare la causa di un comportamento imprevisto in WordPress e in altre applicazioni PHP. I log degli errori PHP, inclusi i log di WordPress, possono aiutarti a individuare i problemi e identificare il plugin, il tema o il codice personalizzato che potrebbe essere la causa dell’errore. 

In questo articolo, ti svelerò cosa sono i log degli errori PHP e perché sono utili, prima di spiegare come utilizzare cPanel e WHM per attivare e configurare sia i log di WordPress che la funzionalità di log del runtime PHP.

Che cos’è il log degli errori PHP?

Il log degli errori PHP elenca avvisi e messaggi di errore, che vengono generati dal runtime del linguaggio e che salvati in un file. WordPress è scritto in PHP, quindi gestisce i messaggi di errore di WordPress.

Gli errori si verificano per molte ragioni. Una riga di codice potrebbe contenere un errore di battitura o il codice potrebbe andare bene, ma quando viene eseguito accade qualcosa di imprevisto. Ad ogni modo, gli sviluppatori vogliono venirti incontro nel capire dove possa essere annidato l’errore, quindi viene registrato un codice in un file. I log degli errori sono un elenco di questi codici in ordine temporale.

I log degli errori sono incredibilmente utili per capire perché WordPress non si comporta come dovrebbe. Se consuma risorse del server eccessive, se un plugin è danneggiato o se le pagine non vengono caricate, i log servono a poterti indicare il ​​motivo. Se ti trovi in ​​una situazione di “white screen of death” in cui WordPress non funziona affatto, i registri potrebbero essere l’unico modo per vedere cosa sta succedendo sotto il cofano.

Come monitorare i log di WordPress nel cPanel

Prima di poter risolvere i problemi con i log, devi “dire” a WordPress o a PHP di avviare la registrazione. I log degli errori sono disattivati ​​per impostazione predefinita perché la registrazione consuma le risorse del server. Possono anche essere un rischio per la sicurezza se vengono “intercettati” dalla persona sbagliata; i log a volte contengono indizi su potenziali vulnerabilità.

Vediamo due approcci per configurare la registrazione degli errori in cPanel:

  • Attivazione della registrazione di WordPress tramite il file wp-config.php
  • Attivazione della registrazione PHP tramite il file php.ini

Entrambi possono essere eseguiti rapidamente in cPanel e WHM.

Registri degli errori di WordPress con wp-config.php

Il file wp-config.php contiene la configurazione di WordPress e, con un paio di righe di codice, puoi attivare la modalità di debug e dire a WordPress di scrivere gli errori in un registro.

Innanzitutto, avvia il File Manager di cPanel, che troverai nella sezione File della pagina principale.

Errori PHP: entrare nel file manager
Cliccare su “Gestione file” per entrare nella sezione del “File manager”.

Il tuo sito WordPress si trova probabilmente nella root o in una sottodirectory di public_html, anche se potrebbe essere da qualche altra parte se il tuo server ha una configurazione non standard.

Fare clic sulla directory contenente il sito e trovare il file wp-config.php nel riquadro di destra. Selezionalo e fai clic su Modifica nella barra dei menu.

Errori PHP: modificare il file wp-config.php
Selezionare il file wp-config.php e cliccare su “Modifica”.

Il file si apre nell’editor di testo di cPanel. Scorri verso il basso fino alla riga che dice:

Aggiungi il seguente codice sopra quella riga e quindi fai clic su Salva:

define( 'WP_DEBUG', true );
define( 'WP_DEBUG_LOG', true );
define( 'WP_DEBUG_DISPLAY', false );
@ini_set( 'display_errors', 0 );
Errori PHP: aggiungere il codice al wp-config
Questo, è quello che dovresti vedere una volta aggiunto il codice.

In pratica, così facendo, stiamo dicendo a WordPress di attivare la modalità di debug e inviare messaggi di errore al file di registro. Gli diciamo inoltre, anche di non visualizzare errori nell’interfaccia, perché non sarebbe una bella cosa a livello estetico per un sito web già online…

WordPress, da ora in avanti, scriverà messaggi di errore in un file chiamato error.log che sarà presente nella directory wp-content, che si trova nella root principale del tuo sito WordPress.

Puoi utilizzare il File Manager di cPanel e l’editor di testo per aprire questo file e visualizzare i messaggi di errore. I messaggi più recenti sono in fondo al file. Ti indicano il tipo di errore e quale codice lo ha attivato, permettendoti di rintracciare il plugin o il file del tema responsabile dell’anomalia.

Quando hai diagnosticato il problema, assicurati di eliminare il codice che hai aggiunto al file di configurazione (wp-config.php), altrimenti il file continuerà a crescere e alla fine consumerà una grossa fetta dell’allocazione del disco.

Come registrare gli errori PHP fuori da WordPress

Il metodo sopra descritto è ottimo se si desidera gestire la registrazione degli errori PHP tramite WordPress: ma cosa succede se si desidera registrare gli errori per altri sistemi e applicazioni CMS?

Per ottenere un logging diffuso, puoi aggiungere codice al file php.ini, che puoi modificare nell’editor INI MultiPHP di cPanel. Ovviamente sarai in grado di modificare questo file solo se il tuo ambiente di web hosting lo consente.

Entrare nell'editor INI MultiPHP
Clicca su “Editor INI MultiPHP”.

Seleziona la scheda Editor e quindi una posizione nel menu a discesa. cPanel mostra il file di configurazione esistente, che potrebbe essere vuoto.

Editare il PHP ini

Aggiungere quanto segue al campo di immissione del testo e fare clic su Salva.

log_errors = true
error_log = /home/user1/logs/error.log
display_startup_errors = false
display_errors = false
html_errors = false
error_reporting = E_ALL
log_errors_max_len = 0

Queste direttive dicono al runtime di registrare gli errori nel file designato con error_log, che dovresti cambiare nella tua posizione preferita. Abbiamo disattivato gli errori di avvio perché raramente sono rilevanti per il debug di applicazioni che si comportano in modo anomalo. Indichiamo anche a PHP di non visualizzare errori nelle pagine web perché non vogliamo che gli utenti li vedano.

Fai clic su Salva e PHP inizierà a registrare gli errori nel file che hai scelto. Puoi accedere al registro tramite il File Manager di cPanel o effettuando il login con SSH.

Dopo aver utilizzato i log per individuare l’origine del problema, ricordati di rimuovere il codice appena aggiunto o modificare il valore log_errors su false per disattivare la registrazione.

Risoluzione efficiente dei problemi con i log degli errori PHP e cPanel

I log sono uno strumento estremamente utile per diagnosticare e correggere comportamenti imprevisti nei siti WordPress e in altre applicazioni web. Con cPanel e WHM, è semplice attivare e disattivare la registrazione, riducendo il tempo che dedichi alla ricerca di problemi.

Vuoi saperne di più sugli errori PHP, o vuoi aggiungere qualche consiglio? Commenta o scrivi una mail a info@giacomomazzoni.it!
Contattami

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indice dei contenuti

Giacomo Mazzoni - Consulente SEO e Web Marketing
Assistenza via chat
Invia con WhatsApp

Non te ne andare...

Scopri la promozione e-commerce!

Il tuo negozio online aperto 24 ore su 24
con agevolazioni sui pagamenti!

Promozione E-Commerce

offerta valida fino al 31/10/2021